Polonia: il centro per giovani disabili a Pulawy
Polonia: il centro per giovani disabili a Pulawy

Condividi:

“Anche i nostri ragazzi vorrebbero volare su un’altalena, ridere quando girano sulla giostra, e giocare a palla”, dice suor Anuarita del Centro per minori e giovani con disabilità mentali a Puławy. Proprio per realizzare quel sogno le benedettine missionarie che a Puławy svolgono la loro opera ininterrottamente dal 1945 hanno deciso di invitare tutti a diventare “Angeli del bene”. Così, in vari negozi, uffici, stabilimenti e imprese della città polacca le suore benedettine hanno posizionato dei cesti con degli angeli di gesso che ognuno può portare con sé come prova di aver contribuito alla raccolta fondi per rendere felici i ragazzi del Centro, pubblicizzando la loro iniziativa anche sui social media, e fornendo l’indirizzo email orw.pulawy@benedyktynki.pl.

Una scuola particolare. Parlando con il Sir, suor Anuarita aggiunge che l’iniziativa, lanciata ai primi di dicembre, è stata prorogata ben oltre il periodo natalizio. “Si può diventare Angelo del bene anche a marzo, a giugno, e perfino a settembre”, ride la religiosa, convinta che “il bene si moltiplica perché le persone, in fondo, sono buone, e a volte basta solo incoraggiarle un po’”. I bambini del Centro di educazione e riabilitazione (Orw) delle benedettine missionarie di Puławy sono 120. Alcuni ancora molto piccoli, hanno 2 o 3 anni appena. Ma ci sono anche i ragazzi e le ragazze più grandi. Presso il Centro è in funzione una scuola apposita che aiuta i giovani disabili ad adattarsi alla vita quotidiana. Le classi sono composte da non più di cinque allievi assistiti dalle suore, da insegnanti, e da altro personale di sostegno. Ciò è necessario soprattutto nei casi più complessi, con varie tipologie di disturbi, che sono in maggioranza. I ragazzi vengono ammessi alla scuola su indicazione di un’apposita commissione del ministero dell’educazione e fino all’età di 24 anni.

Continua a leggere

Argomenti: Mappamondo
Tag: #suore disabili Polonia scuola
Fonte: SIR