Lebbra. Lissoni (Aifo): “La salute del mondo passa dalla difesa dei più deboli”
Lebbra. Lissoni (Aifo): “La salute del mondo passa dalla difesa dei più deboli”

Condividi:

Domenica 31 gennaio si celebra la 68ª Giornata mondiale dei malati di lebbra (Gml). La Giornata si svolge dal 1954 nell’ultima domenica di gennaio, su iniziativa di Raoul Follereau, per denunciare l’emarginazione in cui vivevano milioni di persone. Oggi la lebbra è stata ridimensionata, grazie ai progressi della medicina, ma colpisce ancora oltre 200.000 persone all’anno, lasciando in molte di loro i segni della disabilità, circa 3 milioni circa secondo l’Oms. Ciò rende, il più delle volte, queste persone emarginate da paure e pregiudizi che non sono stati ancora del tutto sconfitti. L’Associazione italiana Amici di Raoul Follereau (Aifo), da sessant’anni attiva nella cooperazione socio sanitaria nel mondo, s’impegna nella cura delle persone, nel promuovere la medicina di base, nel rafforzare le comunità affinché possano prendere in mano il proprio destino. L’obiettivo è l’inclusione sociale delle persone emarginate, anche a causa di una disabilità, o minacciate di violenze attraverso pratiche economiche e sociali. In occasione della Giornata mondiale abbiamo parlato con il presidente, Antonio Lissoni.

Continua a leggere

Argomenti: Mappamondo
Tag: assistenza lebbra malati salute
Fonte: SIR