Papa in Iraq. Sulle orme di Francesco di Assisi, messaggero di fraternità
Papa in Iraq. Sulle orme di Francesco di Assisi, messaggero di fraternità

Condividi:

Sono molto contento che l’incontro tra papa Francesco e il grande ayatollah Al-Sistani, nella città di Najaf, possa avere luogo. Personalmente ho fatto tutto il possibile perché si potesse realizzare. Sarà l’abbraccio tra due uomini di pace”. Sono parole di gioia, speranza e soprattutto di grande attesa quelle che da Baghdad esprime al telefono padre Amir Jaje, domenicano, consigliere per il dialogo con l’islam nel Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso all’indomani della conferma da parte della Santa Sede dell’incontro a Najaf del Santo Padre con l’ayatollah Al-Sistani. Tra i fondatori del Consiglio iracheno per il dialogo interreligioso, padre Amir Jaje si è speso in questi mesi come mediatore tra il Vaticano e Najaf ed elenca oggi almeno due motivi che fanno dell’incontro di Najaf una tappa storica. “Al-Sistani ha giocato un ruolo molto importante durante la guerra civile in Iraq come pacificatore”, ricorda il domenicano, “quando ci furono le esplosioni dei due mausolei, chiese con forza di non cedere alla tentazione della vendetta. È stata quindi una voce di sicurezza per tutto l’Iraq. Papa Francesco arriva qui come messaggero di pace. E’ quindi importante che possa incontrare questo uomo anziano che ha giocato un ruolo decisivo per la pace in questo Paese”.

Continua a leggere

Argomenti: Mappamondo
Tag: Chiesa Iraq pace Papa Francesco viaggio apostolico
Fonte: SIR