Agguato in Congo. Vittorio, il carabiniere generoso
Agguato in Congo. Vittorio, il carabiniere generoso

Condividi:

«Questa è una comunità piccola, ci conosciamo tutti e ci stringiamo attorno alla famiglia di Vittorio, che era andato in un Paese lontano a portare la pace. Proclameremo il lutto cittadino il giorno dei funerali». Così Luciano De Angelis, sindaco di Sonnino, paese di 7mila abitanti sulle colline che digradano verso il Circeo, commenta la notizia della morte in Congo di Vittorio Iacovacci, che a Sonnino era cresciuto, prima di arruolarsi nei Carabinieri.

Nella frazione di Capocroce, in una casa di campagna poco distante dall’antica Abbazia di Fossanova ultima dimora di san Tommaso D’Aquino, vivono i genitori di Vittorio, il papà operaio e la mamma casalinga, un fratello e una sorella. In questo borgo il giovane carabiniere, che avrebbe compiuto 31 anni tra un mese, fidanzato, sarebbe tornato a giugno per alcuni giorni di ferie, al termine della sua prima missione all’estero. E qui la notizia della morte ieri mattina è stata portata dal comandante della compagnia dei carabinieri di Terracina, Francesco Vivona.

La perdita del carabiniere Vittorio Iacovacci «ci colpisce profondamente. Siamo vicini al dolore dei suoi familiari ed analoghi sentimenti vanno alla famiglia dell’ambasciatore e dell’autista che hanno perso la vita nella stessa circostanza. Un gesto vile che ci lascia sgomenti. I carabinieri ancora una volta pagano un prezzo altissimo per il loro servizio fatto di impegno e di sacrificio a difesa dei cittadini e delle istituzioni, in Italia e all’estero» ha detto il comandante generale dell’Arma, Teo Luzi. Tra i primi a contattare gli Iacovacci anche il vescovo di Latina, Mariano Crociata: «È una famiglia distrutta, sono straziati per la perdita del figlio. Il padre è anche febbricitante, la mamma quasi non ha la forza di parlare. Tutta Sonnino si è stretta attorno a loro e il parroco dirà subito una Messa per Vittorio.

Continua a leggere

Argomenti: Mappamondo
Tag: Attentato carabiniere Repubblica democratica del Congo
Fonte: Avvenire