Il fratello che non conosco
Il fratello che non conosco

Condividi:

Abbiamo fatto progressi ovunque, “ma – scrive Papa Francesco – siamo analfabeti nell’accompagnare, curare e sostenere i più fragili”.  Nella puntata di Sulla Via di Damascodomenica 7 febbraio, ore 8.45, Rai DueEva Crosetta affronta il difficile tema di come non lasciare indietro nessuno e di come affrontare l’aumento delle disuguaglianze in questo tempo di crisi, nella previsione di una nuova umanità. In compagnia di Leonardo Russo, pediatra di Medicina Solidale, le storie ed i volti di chi sta lottando in prima linea contro la pandemia dell’indifferenza, facendosi “fratello” degli sconosciuti e degli ultimi. Lucia Ercoli è una di loro, un medico che cura i poveri di papa Francesco, con la porta del suo ambulatorio sempre aperta, sotto il colonnato di S. Pietro. Così, anche Chiara, Stefano e Gabriele, che insieme ad un’altra cinquantina di medici della onlus DiagnostiCARE, danno assistenza medica a chi è in difficoltà economica: qui il paziente lascia un’offerta secondo le sue possibilità. Gli altri protagonisti del programma di Vito Sidoti sono Sr. Angela Bipendu, medico tra i migranti sulle navi della speranza; Luca e Valentina, volontari di AVSI, che in Uganda, tra povertà e miseria, hanno fatto l’esperienza della tenerezza, quella che serve – ovunque – per uscire migliori da questa pandemia. Regia di Marina Gambini.

Continua a leggere

Argomenti: Televisione
Tag: Coronavirus Eva Crosetta fragilità medici
Fonte: Sulla Via di Damasco