Al via la settimana della Raccolta del Farmaco per i poveri
Al via la settimana della Raccolta del Farmaco per i poveri

Condividi:

C’è una conseguenza indiretta del Covid sulla salute che non si misura con i tamponi: è l’impossibilità di comprare medicine a causa delle difficoltà economiche in cui versano tanti italiani. L’anno scorso 434.000 persone si sono trovate in questa condizione secondo i dati dell’Osservatorio sulla povertà sanitaria, organo di ricerca del Banco Farmaceutico. I poveri hanno una capacità di spesa pro capite per i medicinali di 6 euro al mese rispetto ai 28 euro del resto della popolazione. La Giornata di Raccolta del Farmaco arriva in un momento cruciale, e anche per questo viene “dilatata” nell’arco di un’intera settimana, da martedì 9 febbraio al 15 febbraio.

In una delle 5.000 farmacie che aderiscono all’iniziativa (riconoscibili dalla locandina esposta all’ingresso) si possono acquistare e donare uno o più prodotti da banco, che il Banco Farmaceutico provvederà a consegnare agli oltre 1.800 enti assistenziali che si prendono cura dei poveri. La giornata-clou sarà sabato 13 febbraio, quando i volontari saranno presenti a turno davanti alle farmacie per invitare alle donazioni. «La pandemia ha acutizzato tendenze che erano già in atto come la crescita della povertà sanitaria – spiega Andrea Mandelli, presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti –. È importante che tutta la collettività si mobiliti per rispondere ai bisogni dei più fragili, e l’iniziativa del Banco Farmaceutico si conferma come uno dei più importanti momenti di solidarietà del nostro Paese».

Continua a leggere

Argomenti: Salute
Tag: Banco farmaceutico farmaci poveri
Fonte: Avvenire