Spagna. Teresita, la bambina di 10 anni che voleva solo far conoscere Gesù dal suo letto di ospedale
Spagna. Teresita, la bambina di 10 anni che voleva solo far conoscere Gesù dal suo letto di ospedale

Condividi:

Sta facendo il giro del mondo la storia di Teresita, la bambina spagnola che voleva solo far conoscere Gesù dal suo letto d’ospedale. L’anima missionaria non ha mai lasciato Teresita Castillo de Diego, sebbene, a 10 anni, il suo corpo fosse indebolito da un tumore al cervello. “Sto offrendo questi giorni in cui sto male per la gente; per esempio, per qualcuno che sta male, per i preti”, diceva. Era così, con una voglia tremenda di far conoscere Gesù: “Voglio portare gli altri a Gesù, i bambini che non lo conoscono, perché vadano in paradiso sempre felici, sempre”. Per lei la missione era “parlare sempre di Gesù e dare gioia”. La piccola è morta il 7 marzo, dopo anni di sofferenze, e a raccontare la sua storia è il sito dell’arcidiocesi di Madrid, attraverso le parole della madre e di padre Ángel Camino, vicario della Vicaria VIII, che ha già ricevuto “decine di messaggi di credenti e non credenti”, commossi dalla storia di Teresita che “sta compiendo un bene enorme”, da vera missionaria.

È stato proprio il vicario a costituirla “missionaria”, dopo averle fatto visita all’ospedale di La Paz l’11 febbraio, Giornata mondiale del malato. “Una bambina di 10 anni che sta soffrendo così tanto quello che vuole è recuperare la salute, andare a giocare, ma quando la mamma le chiese di dirmi cosa voleva essere, con le residue forze che aveva rispose: ‘Voglio essere missionaria!’”. Padre Ángel ammette: “Mi ha colpito moltissimo e mi è venuto spontaneo dire: ‘Ti costituisco subito missionaria’”. E anche se non c’è una formula canonica ad hoc il vicario ha comprato “la migliore pergamena che c’era” sulla quale ha fatto scrivere la nomina a missionaria. Nel pomeriggio è tornato in ospedale per consegnare la pergamena alla bambina.

Continua a leggere

Argomenti: Mappamondo Storie
Tag: bambini missionari Spagna testimoni Vangelo
Fonte: SIR