“Custodire le nostre terre”: la Chiesa italiana e la sfida dell’ecologia integrale
“Custodire le nostre terre”: la Chiesa italiana e la sfida dell’ecologia integrale

Condividi:

“Custodire le nostre terre” è il cuore del convegno online che la Cei promuove simbolicamente da Acerra sabato 17 aprile. A questo dedica un’ampia pagina Chiesa e comunità raccontando il cammino di preparazione che ha coinvolto due Commissioni episcopali della Cei e nove diocesi della Campania. Un percorso che dice il desiderio e l’impegno di stare come credenti dentro il grido della terra e dentro il grido dei poveri nel contesto italiano. A parlarne è monsignor Carlo Maria Redaelli, arcivescovo di Gorizia, presidente di Caritas italiana e della commissione episcopale per il servizio della carità e la salute e monsignor Antonio Di Donna, vescovo di Acerra e presidente della Conferenza episcopale campana.
Anche il sussidio per l’estate ragazzi edito dalla Elledici per i centri estivi e i Grest guarda alla cura della casa comune nell’anno dedicato da Papa Francesco alla Laudato si’. I motivi di questa scelta li spiega don Joshtrom Kureethadam che nel Dicastero per lo sviluppo umano integrale segue l’ambito “ecologia e creato”.

Continua a leggere

Argomenti: Ambiente Chiesa in Italia
Tag: Ambiente Campania cura del creato ecologia Laudato sì poveri terra dei fuochi
Fonte: InBlu2000