Autismo. Stellino: “Servono una presa in carico a 360° e una formazione di qualità”
Autismo. Stellino: “Servono una presa in carico a 360° e una formazione di qualità”

Condividi:

“Nicole ha 18 anni e Daniel 14, e sono la perfetta espressione dello spettro autistico. Nicole, infatti, pur partita da un autismo problematico ha raggiunto un certo livello di consapevolezza, parla e, come si dice in maniera impropria, ha un buon ‘funzionamento’. Daniel ha invece una compromissione intellettiva importante”. Inizia da qui la testimonianza al Sir della mamma Stefania Stellino, presidente di Angsa Lazio (Associazione nazionale genitori di persone con autismo) e membro del Consiglio direttivo della Federazione nazionale. In Italia non esistono dati certi sui numeri di persone con autismo, ma si stima possano essere 600/700mila. Negli Usa si parla di una persona su 54. Daniel non parla e ha bisogno di essere supportato anche a livello farmacologico. “Il suo – prosegue Stefania – è un autismo severo. Spesso esprime il disagio nei confronti della sua difficoltà di comunicazione attraverso l’aggressività, a volte con la violenza imponendosi dal punto di vista fisico”. È un ragazzone alto più di 1 metro e 80, di oltre 100 chili, e Stefania racconta di giornate molto impegnative che iniziano alle sei del mattino “quando va bene, perché a volte Daniel durante la notte si sveglia”.

Continua a leggere

Argomenti: Salute
Tag: autismo famiglia giovani
Fonte: SIR