Il Papa: ragazzi, fate come Livatino. Una vita per la giustizia
Il Papa: ragazzi, fate come Livatino. Una vita per la giustizia

Condividi:

Ancora una volta papa Francesco, che ha fatto delle scogliere di Lampedusa un avamposto della denuncia della globalizzazione dell’indifferenza, si fa presente in una delle periferie più marginali del Sud Italia chiamando in causa i più giovani perché nel nome di Rosario Livatino, primo magistrato ad essere proclamato beato, rifiutino la sopraffazione mafiosa e prendano in mano la loro vita dando il meglio di loro stessi per il cambiamento della loro terra. Il messaggio, che porta la data del 30 marzo scorso, apre il volume per ragazzi Rosario Livatino, la lezione del giudice ragazzino (collana “I giganti”, Di Girolamo editore) da oggi in libreria: una storia frutto dell’immaginazione dei due autori: Lilli Genco, giornalista e collaboratrice di Avvenire, e Alessandro Damiano, arcivescovo coadiutore di Agrigento.

Protagonisti del racconto sono due ragazzi di un piccolo paese della Sicilia, i quali rimangono profondamente affascinati dal carattere anti-eroico del giudice che imparano a poco a poco a conoscere. L’esempio del magistrato – che verrà proclamato beato questa domenica ad Agrigento – offre loro gli strumenti per leggere l’ambivalente realtà che li circonda, li aiuta a scegliere di stare dalla parte dei giusti, generando quella speranza che è la linfa di ogni processo educativo.

La speranza, che non risparmia dal male, ma dà la forza per affrontare gli ostacoli, anche quelli che appaiono insormontabili è, infatti, il filo conduttore del racconto e delle pagine di approfondimento dell’appendice in cui alla biografia del giudice agrigentino, a una raccolta delle sue frasi più importanti e a un “glossario della legalità”, fanno da cornice le testimonianze di altri protagonisti della vicenda.

Continua a leggere

Argomenti: Giovani
Tag: Agrigento cultura giovani libri Rosario Livatino storia
Fonte: Avvenire