Verso i Campi estivi. Agesci: “È tempo di ‘tornare fuori’ per rivivere l’essere cittadini”
Verso i Campi estivi. Agesci: “È tempo di ‘tornare fuori’ per rivivere l’essere cittadini”

Condividi:

Nei giorni scorsi sono state diramate le “Linee guida” per le attività con bambini e ragazzi, inclusi i Centri estivi, al loro secondo aggiornamento. Allegate all’ordinanza del ministro della Salute del 21 maggio 2021, le Linee presentano diverse novità: la prima è che non ci sarà quest’anno, diversamente dal 2020, un rapporto numerico prestabilito e fisso tra educatori/animatori e ragazzi, né la divisione rigida per età. Permangono le norme di “distanziamento interpersonale di almeno un metro e l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, così come previsto dalla normativa vigente”. Andrà individuato un referente per Covid-19 all’interno dei Centri e strutture in grado di far rispettare le disposizioni.

Le nuove linee guida accennano anche alle ‘uscite’ con pernottamento: un tema molto a cuore ai gruppi scout che in questo periodo dell’anno sono impegnati ad organizzare i campi estivi. A riguardo il Sir ha intervistato Barbara Battilana e Vincenzo Piccolo, presidenti del Comitato nazionale Agesci, l’Associazione guide e scout cattolici italiani che conta 185.000 soci.

Continua a leggere

Argomenti: Associazioni e Movimenti Giovani
Tag: Agesci Coronavirus estate giovani
Fonte: SIR